Sito Basket
 

Boniciolli sulla panchina delle V nere
Pasquali-Virtus: cronaca di un disastro annunciato

Pubblicato da: Matteo Fratangeli on 11 Novembre 2008

“Il campionato continua e bisogna chiudersi in palestra a lavorare…”, questo è ciò che ha detto Renato Pasquali dopo la sconfitta interna contro Avellino. Lui a lavorare in palestra non ci sarà, ma ancora non poteva saperlo nel corso di quella che è stata la sua ultima conferenza stampa da allenatore della Virtus. Al suo posto, da questo pomeriggio, Matteo Boniciolli.
Degna conclusione di una storia, quella tra Pasquali e la Virtus, in cui nessuno ha mai voluto credere, forse nemmeno lo stesso Sabatini che fino a tre domeniche fa definiva il suo allenatore uno dei migliori 7-8 del continente dal punto di vista tecnico.


Boniciolli
Boniciolli
Tutto è iniziato alla terza giornata di ritorno dello scorso campionato quando la derelitta squadra di Stefano Pillastrini fu sconfitta, ironia della sorte, da quell’entusiasmante Avellino di Boniciolli. Ranato Pasquali era chiaramente l’unico allenatore sul mercato al momento e la scelta di farne il nuovo traghettatore, anche forse per ragioni economiche, fu forse troppo repentina. Gli obiettivi, non dichiarati, erano tre: qualificazione ai playoff (seppur difficile e ormai compromessa), vittoria in coppa Italia e vittoria nel derby. Nessuno di questi fu centrato e, anzi, la Virtus perse posizioni in classifica fino a salvarsi alla penultima giornata; complice fu certamente una squadra che perdeva i suoi pezzi per strada ed un roster diventato alla fine ben poco competitivo. La campagna acquisti fatta di fuochi artificiali e di milionate di quest’estate richiedeva un coach all’altezza che sapesse guidare un così nutrito gruppo di campioni affermati alla conquista di grandi obiettivi, per questo la decisione di Sabatini di rinnovare il contratto a Pasquali (aveva firmato l’anno precedente un 1+1) fu incomprensibile sia alla piazza che agli addetti ai lavori. Il patron Sabatini ha sempre, almeno fino ad oggi, difeso questa sua scelta reputando Pasquali come uno dei tecnici più preparati e non assecondando i malumori dei tifosi. Le male lingue dicono però che la fermezza della decisione fu da attribuire solo nella volontà del patron di dimostrare che la disastrosa stagione dell’anno passato era da imputare alle scelte di Stefano Pillastrini, ma la coperta si è rivelata corta e anche se si vuol considerare come veritiera quest’ultima interpretazione, la realtà dei fatti ha presto cozzato contro un progetto di guida tecnica molto fragile. Il coach Pasquali era l’anello debole, nonché sacrificabile, di questa Virtus che fin dalle prime amichevoli estive ha mostrato di fare gruppo al suo interno ma di considerare l’allenatore un elemento estraneo. Non a caso i giocatori si confrontavano con il vice Phil Melillo (voluto dallo stesso Pasquali) visibilmente più propenso al dialogo e alla mediazione. La squadra in precampionato ha evidenziato sempre le stesse lacune tecniche non opportunamente mascherate tatticamente e anziché mostrare i suoi punti di forza ha peggiorato i suoi punti deboli, in un’involuzione che è andata in crescendo fino alle ultime due disfatte in campionato. Una squadra che per caratteristica dei suoi uomini avrebbe sempre dovuto giocare in transizione e utilizzare il pick’n’roll tra Boykins e Ford è stata ingabbiata in giochi a metà campo di dubbia efficacia favorendo la dipendenza da Boykins. La difesa poi è sempre stata un buco nero, se si esclude la zona “estemporanea” (come lo stesso Pasquali l’ha definita) grazie alla quale i bianconeri rimontarono una Milano in crisi, e la cosa è da imputare alla scarsa abnegazione, come dimostra il fatto che i virtussini riescano ad alzare l’intensità difensiva a loro piacimento producendo contro parziali impressionanti. Ma in questo non ci sono tecnicismi o tatticismi che tengano: è questione di mentalità, una mentalità che il coach non è riuscito ad instaurare nella sua squadra e la prova che i suoi uomini non lo seguono. Più che un esonero, quello avvenuto questa mattina tramite comunicato stampa sul sito della Virtus, è stato un ammutinamento riuscito. Già con Udine la leziosità con cui i giocatori sono scesi in campo poteva essere interpretato come il primo campanello d’allarme, stesse facce che poi si sono presentate a Pesaro e ne hanno presi 34. La partita in casa con Avellino non si poteva perdere anche solo per gli uomini che si andavano ad affrontare, pena gravi conseguenze. Così è stato: partita mal preparata (come contro Pesaro) dal coach e giocatori in campo che giochicchiavano a perderla, come poi ha asserito lo stesso Sabatini nella conferenza stampa di oggi. Situazione psicologica ancor più che reale volontà di far fuori il proprio comandante, ma quando questo si permette di riprendere Vukcevic in malo modo e togliere dal campo Boykins nel momento decisivo della partita il peso dei senatori in spogliatoio si fa sentire ed è chiaro che non si può più continuare se non si vuole gettare al vento anzitempo un’intera stagione, l’esperienza dell’anno scorso insegna anche in questo.
Così finisce l’esperienza come capo allenatore Virtus di Renato Pasquali, sancita sul campo dall’abbandono della panchina prima della fine del match del suo 3 milion dollar man incomprensibilmente sostituito. Per Sabatini la scelta è fin troppo facile.
La truppa di insorti passa ora nelle mani di Matteo Boniciolli, chiamato da Sabatini la sera stessa della sconfitta e che ha immediatamente accettato, e scelta più logica non ci poteva esserci: la Virtus ora è affidata al miglior allenatore che si potesse trovare sul mercato (se si esclude un inarrivabile Scariolo), primo fra tutti nel motivare e gestire i suoi giocatori. I bianconeri avevano bisogno di questo fin dall’inizio, allenatori che tecnicamente sono tra i primi 7-8 a livello europeo non servono se non entrano in sintonia caratteriale con un gruppo di suo fin troppo buono tecnicamente.
Boniciolli è stato presentato alle 3 del pomeriggio, insieme all’inseparabile assistente Tonino Zorzi, in conferenza stampa da Claudio Sabatini. Sarà legato alla Virtus da contratto di 2 anni + 1 ed ha richiesto Zorzi come vice allenatore (che l’anno scorso curava i giochi offensivi di Avellino ed ora è già al lavoro nel visionare ciò che si può migliorare) e di poter mantenere la collaborazione che ha stretto con Trieste. Sulla panchina delle V nere siederà ancora anche Phil Melillo, confermato per il buon lavoro svolto. I tre si sono messi al lavoro con la squadra già nel pomeriggio, lavoro in palestra che sarà priorità del nuovo allenatore che per ora ha negato di voler intervenire sul mercato nonostante gli sia stata data carta bianca su quest’aspetto.




Parole chiave: News , Basket , Legabasket , Matteo Boniciolli , Virtus Bologna , La Fortezza , 2008-09 , novembre 2008 , 11 novembre 2008




COMMENTI DEGLI UTENTI ALLA NOTIZIA

Questa notizia non ha ancora ricevuto commenti



Aggiungi un tuo commento per questa news
Titolo del post(*):
Testo del post:(*)
(*)Questo campo è obbligatorio


Per inviare articoli, opinioni ed analisi clicca qui

Biglietti per eventi sportivi

LegaBasket
LegaDue
EuroLega
NBA
ULEB
Video
Focus
Canestro e Fallo
Flash News
History
Nazionali
I love this game
Osservatore dell'Agro Basket
Contatti


classifiche

Classifica Legabasket
Classifica Legadue
Classifiche Eurolega

Classifiche NBA

calendari

Calendario Legabasket
Calendario Legadue
Calendario Eurolega

Legabasket
PLAY OFF BENETTON BASKET: TUTTO BLOCCATO, VENERDI’ NON SI GIOCA
Il calendario dei play off subirà uno slittamento a causa del ricorso presentato dalla Fortitudo Bologna

Legabasket
DA LAS VEGAS UN GIOIELLO PER LA BENETTON BASKET
CARTIER MARTIN, EX BOBCATS, 20 DI MEDIA ALLA SUMMER LEAGUE

Legabasket
BENETTON A JESOLO, PROFUMO D’EUROPA
DOMANI SERA CONTRO L’OLIMPIA LUBIANA

Legabasket
BENETTON BASKET - LA FORTEZZA
La regular season chiude Domenica alla Futurshow Station di Bologna

Basket
QUARTI PLAYOFF, E’ TEMPO DI GARA #3 AL PALAVERDE
BENETTON BASKET – LA FORTEZZA, SABATO 23 ORE 20.30

Legabasket
SUTOR, PERPLESSITA' PER GLI OBIETTIVI DELLA STAGIONE 2009-2010
Assemblea pubblica Venerdì

Legabasket
Sutor e Finelli si separano
L'allenatore e la società comunicano insieme il termine della collaborazione

Sondaggi
Mercato
Chi sarà il pezzo pregiato del prossimo mercato?
Green (Avellino)
Wood (Cantù)
Ford (Montegranaro)
Finley (Rieti)
Risultati sondaggio

Slam 2000. Un'estate sotto canestro

Fronte del Basket

Almanacco ufficiale del campionato italiano di basket

NBA Street Series. Dunks! Le migliori schiacciate

NBA Live 07 per PS2

NBA Street Series. Dunks! Le migliori schiacciate. Vol. 2

NBA Live 07 per PSP

NBA. I giganti del campionato NBA

NBA. Le cento migliori azioni

NBA. Michael Jordan, sua altezza aerea

 
Random Clubbers
Tutti i clubbers

Poker Online

Giocopoker.tv Cerchi dritte e suggerimenti per giocare a Poker Online?
Giocopoker.tv è il sito che fa per te. Su Giocopoker.tv puoi trovare le ultime notizie dal mondo dei professionisti del poker e recensioni dettagliate delle migliori poker rooms del web. Free rolls e bonus di benvenuto non avranno più segreti per te!

Gioca a poker online !

Ultimi post dai blog
Inserito da: sportingsalaria
MASTER OVER 40 PESARO 2011
RISULTATI PESARO 2011 1- ASD SPORTING SALARIA 77 VITO LEPORE 49 2- ASD SPORTING SALARIA 67 POL.DIL. PESARO 89 3- ASD SPORTING SALARIA 75 CASTELFIDARDO 73 4- ASD SPORTING SALARIA 70 JUVECASERTA 68 ABBIAMO VINTO 3 PARTITE FINITO IN 9° POSTO ASSURDO!!!!!!!
Inserito da: simomarchi
simovirtus
virtussiena
Random Club
Morris Finley
Tutti i club